PERCHÈ LE NOSTRE CELLULE RICONOSCONO I MESSAGGI CHIMICI PROVENIENTI DALLE ESSENZE?

Teoria di Roth e Leroith della "unificazione delle comunicazioni cellulari"
Osservazioni sperimentali: molti messaggi endogeni presenti nell'uomo sono stati trovati anche negli organismi inferiori. I peli urticanti dell'ortica contengono istamina; l'interleuchina-1, sostanza che nell'uomo regola le risposte immuni e infiammatorie è stata trovata anche nelle stelle di mare; l'insulina è stata trovata anche negli spinaci, in un protozoo e in un batterio.
In sintesi, l'evoluzione è un processo estremamente economico per cui molte sostanze che servirono da messaggi negli organismi semplici hanno mantenuto la loro struttura anche se la funzione comunicativa è cambiata; perciò gli organismi unicellulari hanno in comune alcune sostanze con i loro discendenti vegetali e animali e questo è anche il motivo per il quale le sostanze presenti nelle piante degli animali inferiori trovano recettori appropriati anche nell'uomo.
Questa è una delle ragioni per cui la natura rappresenta una fonte inesauribile e solo parzialmente esplorata di sostanze biologicamente attive: il perché sta nel fatto che le cellule umane “capiscono” i messaggi delle piante e degli animali inferiori.



https://www.promosalus.it/essenze-le-vie-di-assorbimento/