Obiettivo  

  • Inquadrare il vero inestetismo, spesso nascosto da uno stato infiammatorio. Questo porta spesso alla scelta di trattamenti non idonei con risultati poco soddisfacenti e non definitivi. 
  • Imparerai a scegliere cibi sani leggendo le etichette e a fare una spesa consapevole con notevole risparmio!
  • Rieducare il sistema per far si che il risultato ottenuto sull'inestetismo sia duraturo

Come?

Ogni consulenza è supportata, monitorata e orientata da un medico di segnale (figura fondamentale per eventuale valutazione medica sullo stato di salute generale, supporto per patologie in corso o assunzione di farmaci)

  • verrai monitorato attraverso un’attenta valutazione della tua composizione corporea, importante per impostare un’alimentazione di segnale personalizzata (manca muscolo? Eccesso di acqua? Grasso?)
  • rotazione degli alimenti per ridurre il sovraccarico e l’infiammazione
  • valuteremo insieme eventuali food sensitivity e potrai recuperare la tolleranza alimentare
  • le età della donna (adolescenza, gravidanza, menopausa..) e la predisposizione endocrino ormonale (biotipi) saranno elementi essenziali per impostare un'alimentazione di segnale personalizzata.
  • analisi posturale
  • Insieme avviaremo una salutare attività fisica costante
  • Insieme riscopriremo l'atteggiamento mentale che già ci appartiene a livello primordiale per diventare noi stessi protagonisti del risultato ottenuto

Cos'è l'alimentazione di segnale?

L'alimentazione di segnale è un orientamento ad una corretta alimentazione che ben presto diventa uno stile di vita. L'alimentazione di segnale  è basata sulle più recenti evidenze scientifiche, che si pone come obiettivo la salute, con il dimagrimento come naturale conseguenza del benessere ottenuto.

Per raggiungere una buona forma fisica come specchio di una buona salute, sono importanti le parole e i messaggi che noi inviamo al cervello ogni giorno attraverso le nostre azioni, attraverso quello che mangiamo, attraverso il movimento che facciamo, attraverso il nostro sonno, attraverso le nostre emozioni, perché solo attivando il cammino della leptina verso l’ipotalamo e rassicurandolo della nostra buona fede lui si attiverà in modalità consumo anziché accumulo e spingerà la tiroide a funzionare, il muscolo a crescere, l’umore a salire ritrovando la voglia di vivere creare e progettare.

Non sono regole rigide, non vi è un menù stabilito, non si contano le quantità, non si calcolano le calorie, non si conteggiano le grammature, si seguono regole flessibili e si parte per prima cosa dal comprendere e raggiungere la PROPRIA normocaloricità.

Le regole di base

Vediamo le indicazioni generali di un'alimentazione sana e bilanciata, ma in nessun modo sostituiscono o costituiscono la prescrizione di un medico o di un professionista della salute.    

La normocaloricità: consiste nel fornire all'organismo la giusta quantità di calorie, secondo i fabbisogni individuali.

La normoproteicità. le proteine sono i mattoncini della nostra salute. In carenza di proteine vengono a mancare le fondamenta delle nostre cellule, dei nostri ormoni, dei nostri muscoli. Il metabolismo si abbassa. In più si sbilancia il monopiatto

La leptina: come segnale di attivazione metabolica E' un’adipochina naturalmente secreta dal tessuto adiposo come conseguenza di Un'assunzione adeguata di proteine. Le proteine sono i mattoni di cui è fatto l’intero nostro corpo; un’assunzione proteica troppo scarsa deprime la crescita muscolare e con essa il metabolismo. un'alimentazione completa e rappresenta il segnale ipotalamico più importante per orientare l'organismo verso il consumo, piuttosto che verso l'accumulo di scorte ed il risparmio energetico.


La distribuzione dei pasti nel corso della giornata

La ricca COLAZIONE è uno dei pilastri del nostro regime alimentare, per la sua evidente capacità di fornire all'intero organismo una spinta verso il consumo e generare un segnale metabolico rivolto alla costruzione di massa muscolare che è una delle maggiori responsabili della successiva forte perdita di massa grassa.


Come buona regola, in ogni pasto deve esservi:

  • Presenza di frutta e verdura
  • Una parte proteica (carne, pesce, uova, formaggi, affettati)
  • Una parte di carboidrati integrali che non ecceda la quantità di cibo proteico inserita nel piatto (riso integrale, pasta integrale, pane integrale, crackers, grissini, gallette,  integrali o qualunque altro seme, dalla quinoa al grano saraceno, purchè integrali)
  • una giusta bevanda da affiancare (dissetante, non zuccherata, limitando fortemente quelle alcoliche)
  • Assenza di zuccheri aggiunti (glucosio, saccarosio, sucralosio, sciroppo di ...)
  • Solo farine integrali, mai farine raffinate
  • Grassi di buona qualità non sono un problema, quelli dannosi (come grassi idrogenati o l'olio fritto) sono proibiti
  • Provenienza e stagionalità
  • calma insulinica 

Almeno 3 volte a settimana praticare attività fisica costante e aerobica. 

Prendere del tempo per rilassarsi, per respirare, per sentirsi bene, per fare qualcosa di bello da soli o in compagnia.






.